Goal #5: Raggiungere l'uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze

La sfida: Porre fine alla discriminazione di genere e creare uguaglianza nel diritto e nelle situazioni sociali.

La parità di genere è una parte fondante del nuovo approccio trasversale per lo sviluppo sostenibile: le donne e le politiche di genere sono determinanti nelle scelte alimentari e nell’educazione ad una corretta alimentazione, nella riduzione e nella gestione dei rifiuti domestici, nel lavoro, nella formazione, nella gestione delle risorse economiche, nell’utilizzo delle nuove tecnologie. I diversi target affrontano importanti dimensioni delle disuguaglianze di genere come la violenza contro le donne, lo sfruttamento della prostituzione, il diritto alla salute riproduttiva, e dunque la libertà di decidere se, quando e quanto procreare, e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

 

Italia: Si riduce il gender gap, ma ancora molti sforzi da fare per allinearsi alla media europea

In Italia la divisione dei ruoli nella coppia è ancora molto rigida e vari ostacoli impediscono la piena attuazione delle leggi sul bilanciamento della presenza delle donne nella vita economica e sociale.

Nonostante negli ultimi anni la presenza femminile in Parlamento sia arrivata al 30%, nei luoghi decisionali a livello locale preoccupa la scarsa presenza di donne elette in molti Consigli regionali.

Parlando invece di istruzione, a livello universitario le donne superano ormai da anni i coetanei maschi, anche se la segregazione di genere nella scelta dei tipi di indirizzo continua ad essere alta e più difficile l’ingresso nel mondo del lavoro. Il fenomeno della bassa partecipazione delle donne al mercato del lavoro è concentrato soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno, dove i tassi di occupazione femminili sono inferiori di quasi venticinque punti rispetto al resto del Paese. Una delle motivazioni a sostegno del fenomeno è la mancanza di efficaci politiche per la conciliazione dei tempi di vita. Di fatto, le donne si fanno carico della quasi totalità del lavoro, una condizione che configura una vera e propria “disuguaglianza” di genere, che le porta a svolgere molte più ore di lavoro familiare degli uomini, mentre il contributo degli uomini al lavoro di cura è ancora basso.

Nel nostro paese sono ancora molto diffusi gli atti di violenza contro le donne: circa un terzo delle donne ha subito violenza nel corso della vita, ma le violenze fisiche, sessuali e psicologiche nei cinque anni precedenti il 2014 sono diminuite rispetto ai cinque anni precedenti il 2006. Sono stabili i femminicidi e gli stupri, ma in generale aumenta la gravità delle violenze subite dalle donne.

Per quanto riguarda l’uso di anticoncezionali moderni, l’Italia è 18 punti sotto la media europea. Il 17,6% delle donne usa la pillola contraccettiva, contro una media europea del 21,3%, anche a causa dell’elevato costo di quest'ultima e degli altri metodi contraccettivi. Nel 2014 l’Unione europea ha chiesto ai paesi membri di facilitare l’accesso alla contraccezione di emergenza abolendo l’obbligo di prescrizione entro il 2015. Recentemente l’Agenzia del farmaco ha imposto l’abolizione della ricetta, ma solo per la “pillola dei cinque giorni” e solo per le maggiorenni.

Contattaci
Fulvio D'andrea INC S.r.l.
Maggiori informazioni su Festival dello Sviluppo Sostenibile 2017

Dopo la sottoscrizione dell’Agenda 2030 e degli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs, nell’acronimo inglese) da parte dell’Assemblea Generale dell’Onu (settembre 2015), organizzazioni internazionali, governi nazionali ed enti territoriali, associazioni imprenditoriali e della società civile si stanno mobilitando in tutto il mondo per disegnare e realizzare politiche e strategie volte a conseguire i 17 obiettivi e i 169 target su cui tutti i Paesi del mondo si sono impegnati.

L’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), che riunisce oltre 160 organizzazioni e reti della società civile, ha promosso quest’anno il primo Festival dello Sviluppo Sostenibile, una grande manifestazione di sensibilizzazione e di elaborazione culturale-politica, diffusa su tutto il territorio nazionale. Il Festival rappresenta il principale contributo italiano alla Settimana europea dello sviluppo sostenibile (Esdw) e si svolgerà nell’arco di 17 giorni, dal 22 maggio al 7 giugno, durante i quali si terranno oltre 200 eventi (convegni, seminari, workshop, spettacoli, ecc.) per richiamare l’attenzione sia sui 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, sia su dimensioni trasversali che caratterizzano l’Agenda 2030, dall’educazione alla finanza per lo sviluppo sostenibile, dagli strumenti per il disegno e la valutazione delle politiche alle modifiche degli assetti istituzionali per favorire le politiche per lo sviluppo sostenibile. Oltre agli eventi convegnistici, il Festival proporrà anche incontri con personaggi di spicco ed esperti in modo più informale, comprendendo anche attività culturali e di spettacolo (cinema, teatro, mostre, eventi enogastronomici, flash mob). Il Festival nasce per coinvolgere e sensibilizzare fasce sempre più ampie della popolazione sui temi dello sviluppo sostenibile, andando anche oltre gli addetti ai lavori. Il Festival è rivolto dunque sia agli operatori economici e sociali e agli esperti delle materie oggetto degli eventi, sia a tutti i cittadini interessati a conoscere o approfondire i diversi temi dell’Agenda 2030.

Il Festival ha l’obiettivo di diffondere la cultura della sostenibilità, rendere lo sviluppo sostenibile un tema di attualità e richiamare l’attenzione nazionale e locale sulle problematiche e le opportunità connesse al raggiungimento degli SDGs, contribuendo in questo modo a portare l’Italia su un sentiero di sostenibilità